Cani, Gatti, Notizie

Smog e inquinamento, cani e gatti a rischio come i bambini

smog cani

L’arrivo della pioggia nei primi giorni del 2016 ha spazzato via la cappa di smog e di polveri sottili che aveva circondato le nostre città in seguito a due mesi di totale assenza di pioggia. Un grave rischio per la nostra salute, ma, non solo, poiché smog e inquinamento rappresentano un pericolo anche per i nostri amici a quatto zampe.

Cani e gatti, come noi vivono in città e respirano la nostra stessa aria, con tutte le conseguenze che un alto tasso di inquinamento può comportare per la loro salute: problemi respiratori, tumori, ecc.

Proprio come i bambini, i cani e i gatti, respirano aria più carica di sostanze velenose, poiché per la loro altezza si trovano a respirare più in basso. Questo fattore aumenta il rischio di poter contrarre malattie legate all’inquinamento.

Ecco, allora, alcuni consigli per difendere Fido e Micio dai pericoli di smog, polveri sottili e inquinamento atmosferico.

Passata l’emergenza, infatti, non bisogna abbassare la guardia, perché anche se sotto controllo, l’aria che respiriamo nelle nostre città è comunque carica di sostanze inquinanti e pericolose per la salute di chi le respira, sia esso umano o animale.

dermatite cane

Consigli per proteggere Fido e Micio dall’inquinamento e dallo smog

La prima cosa da fare quando si deve affrontare un emergenza inquinamento è quella di cercare di preservare il più possibile il nostro animale dal contatto con eventuali sostanze nocive.

In tal caso, potrebbe essere utile spazzolarli più spesso, anche ogni volta che si ritorna da una passeggiata in modo da eliminare eventuali polveri sottili depositatesi sul manto e che potrebbero essere inavvertitamente ingerite, vista la tendenza degli animali di leccarsi il pelo.

Molto importante è anche scegliere il posto giusto per la passeggiata quotidiana, prediligendo parchi e aree verdi. Se il parco è molto distante è preferibile spostarsi in macchina per evitare di percorrere un lungo tratto a piedi tra lo smog.

Un ultimo consiglio, infine, è quello di portare il nostro amico a quattro zampe ad effettuare periodici controlli dal veterinario per assicurarsi di scoprire e curare in tempo l’insorgenza di eventuali malattie.